Alcolismo e psicologia. Come affrontare il problema

Sono la Dottoressa Eleonora Picoco, psicologa e specializzanda in psicoterapia, e in questa pagina vi parlerò dei disturbi legati alla dipendenza da alcol, una tra le diverse dipendenze psicologiche esistenti. Troverete l’analisi e lo studio del problema, il mio approccio teorico e la possibilità di prenotare una visita nel mio studio a Tricase (Lecce) o a Brindisi.

Smetto quando voglio

È una frase che come altri operatori del campo psico-sociale ho sentito ripetere spesso e che indica con precisione quale sia la difficoltà più grande di chi soffre di una forma di dipendenza: capire e accettare di avere un problema di abuso di una sostanza, o nell’adozione di un certo comportamento, e ridefinire il modo di approcciarsi a questo problema.

Agli occhi di chi ha una dipendenza, tutto è sotto controllo: la persona coinvolta nella dipendenza afferma di sapere quando può fare uso di una sostanza e in quali quantità, pensa che siano gli altri a esagerare e non di essere incapace di controllarsi nell’assunzione di una sostanza o nel mettere in atto un comportamento specifico.

Abuso di alcol

Concentriamoci su una forma di dipendenza che interessa una fascia d’età sempre più giovane: secondo ricerche recenti, il numero di ragazzi che iniziano a fare uso eccessivo di bevande alcoliche non solo è aumentato vertiginosamente, ma si è abbassata anche l’età del primo contatto.

Sia per gli adulti che per i ragazzi, l’alcol e in generale tutte le sostanze da cui si ha dipendenza, rappresenta il modo più valido di per scaricare la tensione interna che non si è in grado di gestire o di tollerare, l’ansia per le preoccupazioni quotidiane. È la valvola di sfogo per tutto quello che non va e un contenitore della noia, dell’apatia e della stanchezza.

La dipendenza permette anche di evadere mentalmente da una realtà che non appaga, di distogliere per un tempo limitato l’attenzione dal problema da risolvere e di avere l’illusione momentanea che tutto sia risolto, bloccato e sospeso.

La dipendenza dall’alcol orienta il normale andamento della vita della persona che ne soffre: ogni attività quotidiana, fin dal primo mattino, è influenzata dal pensiero fisso del bere, tutti i progetti e scopi vincolati all’uso della sostanza e la persona dipendente dall’alcol non è più in grado di fare nulla se non ne assume una certa quantità con regolarità e frequenza.

La sindrome da dipendenza alcolica è accompagnata spesso da altri disturbi psicologici come la depressione, l’ansia, gli attacchi di panico e da alcune forme di nevrosi, ma non è ancora chiaro il tipo di rapporto esistente tra le due e se sia la prima a causare la seconda o viceversa.

L’unica certezza è che la sindrome si accompagna prevalentemente a un tipo di personalità insicura, timida, con bassa autostima e autoefficacia, dalle ridotte capacità di affrontare i problemi con i propri mezzi, senza richiedere l’intervento di forze terze.

Prevenzione e trattamento della sindrome da dipendenza alcolica

La prevenzione primaria interviene prima che il problema si verifichi attraverso la promozione di attività di incontro e di sensibilizzazione sul tema a diverse categorie tra cui adolescenti, ragazzi emarginati o a rischio, persone con storie familiari di alcolismo, allo scopo di far conoscere i pericoli psicologici, fisici e sociali legati all’abuso di alcol e di ridurre le occasioni di rischio.

Chi, invece, con l’aiuto dei familiari e con una grande dose di forza di volontà, riesce a riconoscere il suo problema di dipendenza e decide di iniziare un ciclo di riabilitazione e disintossicazione, oltre alla cura farmacologica per riequilibrare le funzioni dell’organismo che la sostanza ha deteriorato, può intraprendere un percorso di psicoterapia di gruppo o auto-aiuto per affrontare le dinamiche interne, i nodi esistenziali, il modo di gestire gli eventi negativi e in generale gli eventi della vita, potenziare le risorse interne e rimodulare in chiave attiva il rapporto con l’esterno.

Prenota una visita

Ricevo a Brindisi e a Tricase, su appuntamento.

Il costo di ogni colloquio è di 40 Euro.